“Toscana Terra Accogliente”, il nuovo progetto di Residenze Artistiche della Toscana

Giu 24, 2021

Le trentadue Residenze Artistiche della Toscana (RAT) lanciano il progetto “Toscana Terra Accogliente” che, attraverso il presente Avviso Pubblico, si rivolge ai professionisti della prosa, della danza, della performance, del teatro per le nuove generazioni e del circo contemporaneo, per individuare 6 artisti singoli/compagnie/gruppi, a ciascuno dei quali saranno garantiti fino a 40 giorni di residenza creativa presso almeno 3 sale prova e/o teatri gestiti dai titolari di residenza RAT (con la copertura delle spese di alloggio, la fornitura della scheda tecnica e il tutoraggio) e un contributo economico complessivo massimo di 7.100 euro ciascuno.

I soggetti RAT che aderiscono all’azione sono: Anghiari Dance Hub, Archetipo, Armunia, CapoTrave/Kilowatt, Catalyst, Consorzio Coreografi Danza d’Autore, Giallomare, Kanterstrasse, Kinkaleri, Murmuris, Officine Papage, Pilar Ternera, Sosta Palmizi, Straligut, Teatro delle Donne, Teatrino dei Fondi, Teatro Popolare d’Arte, Versiliadanza.
In una seconda fase, “Toscana Terra Accogliente” si aprirà alla possibilità di produzione e coproduzione di spettacoli frutto della ricerca sviluppata durante le residenze. Pertanto, sostengono il progetto e vi collaborano tre soggetti della produzione: la Fondazione Teatro Metastasio di Prato, il Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni e la Fondazione Fabbrica Europa.

Infine, in una terza fase, il progetto vuole favorire la distribuzione degli eventuali lavori prodotti e coprodotti, e pertanto è sostenuto anche dal circuito multidisciplinare regionale Fondazione Toscana Spettacolo onlus. L’insieme di questi organismi (residenze, soggetti della produzione e circuito che cura la distribuzione) costituisce il raggruppamento dei soggetti promotori del progetto. Con questa azione, il sistema teatrale toscano, anche con il sostegno di Regione Toscana e Unicoop Firenze, intende strutturare un meccanismo di rete, all’interno del quale le residenze svolgano il proprio ruolo di accompagnamento alla creazione, i soggetti della produzione investano sulla realizzazione degli spettacoli e il circuito favorisca la distribuzione, in un meccanismo armonico di collaborazione tra soggetti che hanno funzioni diverse.

La partecipazione è gratuita. Non è previsto alcun limite massimo di età per la partecipazione al progetto. I partecipanti, siano essi artisti singoli, o gruppi, strutturati formalmente o anche informalmente, residenti in Italia o in altri Paesi, ma comunque con una natura professionale (sono esclusi gli amatoriali e i progetti presentati dalle scuole e dalle accademie di ogni tipo) dovranno inviare una proposta di creazione artistica totalmente inedita, al massimo presentata 1 volta in forma di studio.
Ogni artista singolo o compagnia potrà partecipare alla selezione con una sola proposta. Nel caso delle compagnie, non costituisce motivo di esclusione il fatto che singoli artisti presenti nella propria proposta facciano parte di proposte presentate alla selezione da altri gruppi.

La proposta di creazione artistica dovrà essere sviluppata in residenza nel periodo dicembre 2021-dicembre
2022 – anche utilizzando il sostegno di altri spazi e residenze al di fuori del presente bando – e dovrà debuttare in forma di spettacolo compiuto nel corso della stagione 2022-2023.

I soggetti che intendono partecipare al presente avviso dovranno compilare il form online sulla piattaforma Sonar (www.ilsonar.it) entro le ore 10:00 del mattino di giovedì 9 settembre 2021.

Nel corso del periodo dicembre 2020 – dicembre 2021, ciascuna delle 6 proposte selezionate otterrà:
• fino a 40 giorni di residenza in 3 o 4 teatri gestiti dai soggetti RAT, in periodi anche non consecutivi;
• un contributo economico di 4.500 euro + iva da parte delle residenze RAT per la copertura delle
spese di viaggio e dei pasti durante le residenze (in caso di emissione di ricevuta con ritenuta
d’acconto, la cifra sarà da considerarsi lorda);
• l’alloggio gratuito in un contesto dove la compagnia possa provvedere autonomamente ai pasti
(tipo foresteria, appartamento o simili);
• l’utilizzo del teatro/sala prove/spazio di lavoro nel corso della giornata, con uso delle dotazioni già a
disposizione degli spazi (che saranno comunicate preventivamente ai selezionati);
• l’assistenza tecnica per almeno il primo e l’ultimo giorno di residenza.

I soggetti della produzione e della distribuzione (Teatro Metastasio, Centro della Danza Sieni, Fondazione Fabbrica Europa, Fondazione Toscana Spettacolo) parteciperanno al processo creativo in residenza artistica offendo a ciascuna delle 6 proposte selezionate un ulteriore supporto relativo alla scrittura e messa in agibilità durante le prove, oppure alla fornitura di attrezzature tecniche o apporti professionali qualificati (tipo scenografo, costumista, light designer, sound engeneer, comunicazione, grafica, ecc.), oppure all’avvio di un progetto di comunicazione e diffusione dell’opera, secondo gli accordi fra il soggetto della produzione e/o della distribuzione e ogni singola compagnia/artista selezionata. Teatro Metastasio e Fondazione Toscana Spettacolo intervengono con un investimento di 5.000 euro ciascuno, Centro della Danza Sieni e Fondazione Fabbrica Europa con 3.000 euro. Pertanto, per ciascuno dei 6 progetti selezionati tale supporto avrà un ammontare totale e massimo fino a 2.600 euro complessivi lordi.

Partecipando al presente Avviso Pubblico, gli artisti/compagnie sono a conoscenza di questa opzione di
produzione e/o co-produzione che deve avere carattere privilegiato rispetto a ulteriori proposte che
giungessero da soggetti esterni a “Toscana Terra Accogliente”.
L’intervento produttivo o co-produttivo da parte dei soggetti della produzione comporterà un ulteriore
investimento da parte di tali soggetti, che dovrà essere concordato con gli artisti stessi, lasciando gli uni e
gli altri liberi di non concludere tale accordo qualora non ve ne fossero le condizioni.
In ogni caso, il debutto dell’opera completa dovrà avvenire nella stagione 2022-23 e, in caso di stipula
dell’accordo di produzione o co-produzione, data e luogo del debutto dovranno essere concordati con il
produttore.

Nel corso dell’annualità 2023 e seguenti, Fondazione Toscana Spettacolo onlus si impegna, inoltre, a programmare almeno n° 5 repliche complessive degli spettacoli eventualmente prodotti tramite il progetto all’interno delle proprie programmazioni, secondo un calendario concordato con ogni singola compagnia/artista. Le 5 repliche potranno essere programmate per uno solo dei 5 spettacoli, o per più spettacoli tra i 6 selezionati, a discrezione della Fondazione Toscana Spettacolo.

Fondazione Toscana Spettacolo in accordo con il raggruppamento dei promotori del progetto, stabilisce una griglia di contrattazione economica per ciascuna recita comprensiva dei costi di viaggio, vitto e alloggio di tutti i componenti della compagnia e di eventuale trasporto scene. Su indicazione di tutti i promotori del progetto, l’azione è coordinata dall’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt. Si prega di rivolgersi alla stessa per ulteriori informazioni solo in caso di assoluta necessità, poiché il presente Avviso contiene già tutti gli elementi utili alla comprensione del progetto. Qualora fosse davvero necessario chiedere ulteriori specifiche, si può scrivere via email all’indirizzo:
michele.rossi@kilowattfestival.it.

Articoli correlati