#FOCUSON : Progetto “CANTA CON ME!”

Il canto corale come momento di incontro tra centro e periferia. Così più di 200 bambini di quattro scuole dell’area urbana di Roma hanno la possibilità di arricchire la loro formazione grazie al Teatro dell’Opera e a BASF. Parte proprio in questi giorni la II edizione di “Canta con me!”, il progetto finalizzato alla costituzione di una rete di cori di voci bianche.
Protagonisti oltre 200 bambini degli Istituti Comprensivi di “Via Casalbianco” (Settecamini), “Via Olcese” (Centocelle), “Pablo Neruda” (Selva Candida), “Via Cutigliano” (Magliana). Ad affiancarli, gli allievi della Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera di Roma, un’eccellenza del canto a livello nazionale. Ciascuno dei quattro istituti scolastici costituirà un proprio coro di circa 60 elementi che, con la direzione di quattro direttori, intraprenderà un percorso formativo disegnato e curato dal Dipartimento Didattica e Formazione del Teatro dell’Opera, avvalendosi anche del contributo di José María Sciutto, Direttore del Coro di Voci Bianche.
Un’iniziativa unica nel suo genere, dall’elevata valenza educativa cui la Fondazione ha dato vita grazie al contributo di BASF, sponsor unico del progetto. Attraverso la pratica del canto corale il bambino sviluppa la sensibilità melodica, le abilità ritmiche e acquisisce la consapevolezza dell’importanza di perseguire un obiettivo condiviso e comune.

Il coro è un’orchestra a più voci. È scambio di emozioni, di energie. È ascolto e rispetto dell’altro. È un modo creativo di educare alla relazione attraverso la ricerca di equilibrio e di sintonia” dichiara Laura Baldassarre – Assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale del Comune di Roma. Il valore educativo di questa II edizione di “Canta con me!”, mi offre l’opportunità di esprimere apprezzamento e gratitudine a quanti hanno voluto realizzare l’iniziativa, con l’augurio che questo progetto possa rappresentare un modo nuovo di far collaborare Arte e Istituzioni. Un modo che favorisca l’attuazione di forme espressive capaci di coinvolgere le nuove generazioni a sostegno di valori come la ricerca dell’armonia e la convivenza pacifica, necessarie per la realizzazione di una società a misura di persone.”

Il progetto ha anche l’obiettivo di “far uscire” la musica dal Teatro e creare occasioni di aggregazione sociale. Per questo la Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera sarà protagonista di quattro concerti nei quartieri in cui insistono le scuole, mentre a fine anno scolastico è previsto un saggio di ogni coro all’interno della propria struttura.
A conclusione del percorso formativo, saranno assegnate quattro borse di studio, una per ciascun coro scolastico, messe a disposizione da BASF per i bambini più meritevoli che intenderanno proseguire i propri studi musicali all’interno della Scuola di Canto Corale.

Andreas Riehemann – Amministratore Delegato BASF Italia ha dichiarato: “L’entusiasmo e la gioia dei bambini che lo scorso anno, insieme alle loro famiglie e al corpo docente, hanno partecipato a “Canta con me!”, ci hanno spinto a rinnovare il nostro sostegno per questa seconda edizione. Come BASF siamo profondamente impegnati a creare valore nei territori in cui operiamo attraverso progetti che abbiano impatti concreti e tangibili. “Canta con me!” dà la possibilità di vivere un’esperienza unica e autentica dal forte carattere educativo e culturale.

Le attività del progetto avranno la loro conclusione nell’evento finale programmato per lunedì 29 maggio 2017, presso il Teatro dell’Opera: un Open Day aperto alle famiglie e alla città nel corso del quale i cori scolastici si esibiranno, nel saggio di fine percorso, sul prestigioso palcoscenico del Teatro Costanzi, accompagnati dagli Allievi del Coro di Voci Bianche della Scuola di Canto Corale del Teatro in una manifestazione conclusiva all’insegna della coralità e dell’integrazione.

Condividi:

VII edizione del Festival Internazionale della Danza di Roma

Saranno 5 le prestigiose compagnie, diverse per formazione artistica, stile e provenienza, che si alterneranno sul palcoscenico del Teatro Olimpico per regalare al pubblico un ritratto sfaccettato della danza di oggi nella VII edizione del Festival Internazionale della Danza di Roma, in programma nella Capitale dal 14 marzo al 4 maggio. Organizzato dalla Filarmonica Romana e dal Teatro Olimpico, il Festival sarà inaugurato da Miguel Ángel Zotto, che con Daiana Guspero e la sua compagnia porterà per la prima volta a Roma lo spettacolo Raíces Tango, ispirato alla potenza degli Indios, al folklore dei gauchos delle pampas e al tango degli argentini.
A seguire, per la prima volta in Italia, Cardia il nuovo spettacolo di Miguel Angel Berna (12 e 13 aprile): tra canti e poesia, mito e tradizioni popolari, un viaggio attraverso l’anima profonda di due terre distanti eppure affini: l’Aragona e il Salento.

Gradissimo ritorno al Festival della Danza del Balletto del Sud (20 e 21 aprile), che presenta quest’anno una coreografia firmata da Fredy Franzutti ispirata allla storia d’amore più celebre e celebrata di tutti i tempi: Romeo e Giulietta, sull’emozionante partitura di Prokof’ev.

Sempre ad aprile, Caruso la nuova attesissima creazione della Mvula Sungani Physical Dance in omaggio a due grandi artisti italiani: Lucio Dalla ed Enrico Caruso. Uno spettacolo potente e innovativo che nasce dalla fusione tra la physical dance e la poesia della splendida lirica, che dà il titolo a questa imperdibile performance.

Altro appuntamento irrinunciabile della manifestazione è Aterballetto (3 e 4 maggio), prestigiosa compagnia italiana rinomata a livello internazionale, che per questa edizione presenta le due coreografie Words and Space di Jiří Pokorny e BLISS di Johan Inger

Condividi: