Superblast, bando di produzione artistica e sperimentazione di linguaggi

Not A Museum presenta Superblast, il concorso internazionale rivolto ad artisti under 40 che promuove la libera produzione artistica e la sperimentazione di linguaggi interdisciplinari attraverso nuove residenze.

In un periodo che ha messo a dura prova il settore artistico e culturale, NAM – Not a Museum, il programma dell’arte contemporanea di Manifattura Tabacchi, basato sul principio dell’interdisciplinarità tra le arti, sul coinvolgimento della comunità e sull’indagine del rapporto tra arte, scienza e natura, presenta SUPERBLAST: un’iniziativa che pone al centro la valorizzazione della pratica artistica al di fuori dei luoghi tradizionalmente a essa associati. L’obiettivo è favorire la creazione di percorsi di crescita dei giovani artisti italiani e internazionali e rendere la città di Firenze il centro di un nuovo attivismo culturale per l’ambiente, promuovendo il confronto tra spazi pubblici, contemporanei e storici e la costruzione di una memoria collettiva.

La chiamata alle arti di Manifattura Tabacchi avverrà attraverso un bando di concorso per l’assegnazione di sei premi per altrettante Residenze a sei artisti multidisciplinari per lo sviluppo di progetti artistici in dialogo con gli spazi di Manifattura Tabacchi.

Il bando è gratuito e aperto a partecipanti, di ogni provenienza geografica e sotto i 40 anni, singoli o collettivi, con pratiche artistiche di diversa natura: scultura, pittura, sound and new media art, performance, pratiche coreografiche e relazionali, progetti workshop-based e progetti che mettano in discussione il rapporto esistente tra uomo e ambiente.

Ogni artista selezionato sarà accompagnato da un curatore per la stesura di un testo critico volto alla realizzazione di un progetto editoriale dedicato. Le sei opere confluiranno in una mostra collettiva e contribuiranno alla pubblicazione del progetto editoriale previsto per settembre, il mese che Manifattura Tabacchi vuole dedicare alla sostenibilità, nell’ambito di un programma pubblico composto da talk, tavole rotonde e attività laboratoriali.
Gli artisti selezionati avranno l’occasione di prendere parte attiva al cambiamento e alla visione interdisciplinare che Manifattura Tabacchi da sempre promuove per sperimentare linguaggi ibridi in dialogo con un luogo di matrice industriale. Un’occasione per guardare al rapporto tra uomo e natura, chiamando in causa l’arte e la sua capacità trasversale di porsi domande prima di immaginare soluzioni, di coinvolgere professionisti dai campi scientifici e umanistici e di veicolare la sensibilità comune rispetto al cambiamento climatico verso forme inedite di espressione e azione.

Superblast si rivolge ad artisti, pensatori, creativi, attivisti che abbiano il desiderio di guidare il cambiamento, immaginare e ridisegnare i luoghi della cultura, per un futuro più sostenibile nell’era dei mutamenti climatici attraverso la costruzione di relazioni e progetti comuni.
Cosa significa fare arte oggi? Come ricostituire un equilibrio tra l’uomo, la città e il mondo naturale? Una nuova ecologia del pensiero è possibile? Domande sempre più rilevanti nel contesto attuale che ci ospita e che costituisce una svolta critica nella storia del pianeta. Manifattura Tabacchi sceglie di dare spazio alla sperimentazione artistica e al confronto sui temi urgenti del nostro tempo, quali la relazione tra natura e cultura, l’uomo e le altre specie viventi, l’individuo e la collettività.

Sarà possibile partecipare fino al 21 marzo 202.

I progetti saranno valutati da un comitato scientifico internazionale composto da autorità nei campi dell’intersezione tra arte e ecologia quali Mario Cristiani, cofondatore di Associazione Arte Continua e di Galleria Continua (San Gimignano, Beijing, Les Moulins, Habana), Stefano Mancuso, neurobiologo vegetale e accademico, direttore di LINV International Laboratory of Plant Neurobiology e fondatore di PNAT, Erica Petrillo, scrittrice e curatrice che collabora con lo studio interdisciplinare 2050+ (Milano), Lucia Pietroiusti, curatrice di General Ecology presso Serpentine Galleries (Londra), Caterina Taurelli Salimbeni, curatrice di NAM – Not a Museum.

I finalisti saranno annunciati il 21 aprile 2021 sul sito di Manifattura Tabacchi e sui canali social di NAM – Not a Museum. Gli artisti selezionati saranno invitati in Manifattura Tabacchi a partecipare ad un workshop dedicato all’esplorazione del luogo e del contesto di riferimento, e avranno a disposizione € 5.000 per la produzione del proprio lavoro, uno spazio dove realizzarlo e € 500 per il rimborso delle spese di viaggio e trasporto.

Condividi:

Portraits on Stage, bando di residenza per compagnie under 35

La rete interregionale Portraits on Stage lancia un bando per giovani compagnie o artisti under 35 per progetti inediti attinenti all’ambito dello spettacolo dal vivo declinanti il tema dell’arte figurativa. 

Portraits on Stage, nasce dalla messa a confronto di esperienze di compagnie teatrali e titolari di residenze artistiche che, spesso in collaborazione con Musei, Gallerie d’Arte, Accademie e siti culturali dei territori di riferimento,  hanno dato vita a festival , produzioni, progetti articolati che mettono in primo piano il legame esistente tra Arte Drammatica e Arte Visiva.

Sentendo la necessità di ampliare i propri orizzonti e di inglobare nella programmazione lavori di giovani realtà, dedicati allo stesso tema, la rete promuove azioni di ricerca e di scouting sul territorio nazionale e internazionale. A questo scopo nasce il Bando Portraits on Stage che intende promuovere e sostenere nuove progettualità attraverso ospitalità in residenza. 

Il bando è dedicato ad artisti e compagnie under 35 che operano professionalmente nel campo dello spettacolo dal vivo. Per partecipare è necessario sottoporre la propria candidatura entro le 12 del 15 marzo attraverso invio di una mail all’indirizzo portraitsonstage@gmail.com. La proposta dovrà essere accompagnata da breve cv del proponente, sintesi del progetto (sinossi, stato del progetto, sviluppo previsto, cast e collaborazioni) e una  presentazione video (in alternativa la ripresa di un eventuale studio  già realizzato). Sono ammessi tutti i linguaggi attenenti allo spettacolo dal vivo nonché progetti interdisciplinari.

Ai vincitori  nel numero minimo di tre verrà offerta la possibilità di sviluppare il loro progetto attraverso l’assegnazione di una o più residenze nelle sedi messe a disposizione dai promotori: Laboratori Permanenti (Sansepolcro – AR);  Settimo Cielo (Arsoli – RM); Teatri d’imbarco  (Firenze); Diesis Teatrango ( Bucine (AR). 

> Maggiori informazioni

Condividi:

Fondazione Cirko Vertigo: bando di residenza per compagnie di circo contemporaneo

Saranno selezionati cinque progetti di circo contemporaneo, da accogliere nello Chapiteau, al Teatro le Serre e al Piccolo Teatro Perempruner di Grugliasco, o al Café Müller di Torino

Il 2021 inizia con una grossa opportunità per tutti gli artisti di circo contemporaneo: Fondazione Cirko Vertigo ha infatti pubblicato il bando per le nuove residenze artistiche di Grugliasco e Torino

Il progetto Casa del Circo Contemporaneo, realizzato dalla Fondazione nel triennio 2018-2020, è stato prolungato all’anno appena iniziato, in coerenza con quanto disposto dal decreto ministeriale 11/12/2020, al fine di garantire la continuità alle attività di residenza artistica sui territori, nonostante le difficoltà causate dall’emergenza Covid-19.

Il progetto mira a favorire lo sviluppo di giovani artisti e compagnie circensi di livello internazionale, tramite la messa a disposizione di risorse, professionisti e tutor, spazi e luoghi di rappresentazione. I soggetti coinvolti potranno così mettere in scena nuove creazioni, mai presentate in pubblico nella loro forma definitiva.

Il bando prevede l’accoglienza in residenza degli artisti e delle compagnie nel periodo compreso tra febbraio e dicembre 2021, in uno dei quattro spazi della Fondazione: Teatro le Serre, Chapiteau Vertigo e il Piccolo Teatro Perempruner, a Grugliasco, e il Teatro Café Müller in via Sacchi, a Torino.

Il bando è aperto a compagnie e artisti di circo contemporaneo provenienti dall’Italia e dall’estero, che dovranno inviare la loro candidatura entro il 24 gennaio, tramite posta elettronica, all’indirizzo residenze@cirkovertigo.com. Saranno selezionati un massimo di cinque progetti; la comunicazione di avvenuta selezione sarà comunicata esclusivamente via email entro l’8 febbraio.

Tutte le informazioni su bando, modulo di partecipazione e schede tecniche degli spazi che ospiteranno le compagnie in residenza artistica si trovano al link www.cirkovertigo.com/online-bando-residenze-2021.

Condividi:

Danza Urbana XL, bando per la selezione di creazioni di danza contemporanea

È online fino al 17 gennaio il bando Danza Urbana XL per la selezione di creazioni di danza contemporanea e d’autore per spazi urbani o non-convenzionali. L’azione del Network Anticorpi XL, la rete italiana dedicata al sostegno e alla promozione della giovane danza d’autore, si rivolge ad autori e autrici residenti in Italia.

La commissione composta dai rappresentanti di ciascuna delle strutture che aderiscono all’azione Danza Urbana XL per l’annualità 2021, valuterà le proposte artistiche tenendo conto della capacità dell’autore/autrice di agire in relazione allo spazio urbano o non-convenzionale e di andare oltre le convenzioni dello spazio teatrale, della qualità artistica della creazione proposta così come della qualità degli interpreti e dell’innovatività della proposta.

Alle creazioni selezionate, minimo due fino a un massimo di cinque, sarà garantito un minimo di tre recite fra i festival, rassegne e stagioni dei partner del Network Anticorpi XL che aderiscono all’azione secondo condizioni economiche definite riportate nel bando stesso.
Nel caso le disposizioni nazionali, regionali o comunali in materia di salute pubblica legate all’emergenza pandemica non consentiranno la presentazione della creazione nella data prevista, l’ente ospitante si impegnerà a fare quanto nelle sue possibilità per riprogrammare la recita entro il 31 dicembre 2022 in accordo con l’autore o con l’autrice.

La presentazione delle candidature scade il 17 gennaio 2021.

Per partecipare è necessario leggere attentamente il bando sul sito www.networkdanzaxl.org nella sezione “NEWS E BANDI” e compilare il relativo modulo di iscrizione.

Danza Urbana XL offre uno spazio di programmazione e visibilità alle creazioni di giovani coreografi/coreografe che avvertono l’urgenza di indagare le forme dello spettacolo al di fuori delle convenzioni teatrali, degli spazi deputati e intendono estendere la fruizione della danza a un’audience più ampia, immergendosi nei luoghi della quotidianità, negli spazi pubblici e – più in generale – nel paesaggio urbano.

L’azione promuove pertanto la diffusione e la visibilità di creazioni concepite per spazi e formati non-teatrali, di giovani autori italiani e stranieri, nei festival, rassegne e stagioni aderenti al Network Anticorpi XL, attraverso lo scambio di informazioni, la condivisione di proposte e la composizione di un programma di circuitazione.

Anticorpi XL 
Anticorpi XL è il network italiano dedicato alla giovane danza d’autore. Coinvolge attualmente 37 operatori di 15 regioni e da più di dieci anni rappresenta un esempio concreto e significativo di promozione della nuova generazione di coreografi italiani. Una rete di operatori che propone un’articolata gamma di azioni volte a rispondere alle necessità dei giovani autori nelle differenti fasi del loro percorso di crescita e maturazione.

Condividi:

Biennale College Teatro: pubblicati i bandi di partecipazione

Si avvia il programma di Biennale College Teatro della Biennale di Venezia con il lancio dei tre nuovi bandi rivolti a:

  • registi italiani under 35 (con scadenza il 29 gennaio 2021)
  • autori italiani under 40 (con scadenza il 10 febbraio 2021)
  • performer italiani e stranieri under 40 (con scadenza il 20 febbraio 2021)

I neodirettori Stefano Ricci e Gianni Forte, meglio noti come ricci/forte, raccolgono il testimone di Biennale College consolidando l’idea di ricerca e sostegno di nuovi talenti: all’attenzione per la regia e la drammaturgia soprattutto italiane, si aggiunge per la prima volta quest’anno il bando internazionale per performer, che sceglierà un lavoro performativo inedito in esterni, individuando luoghi topici della vita quotidiana lagunare.

Considerando il grande interesse che oggi suscita l’autorialità performativa nel resto del mondo, così profondamente connessa con le Arti Visive, quelle della Musica e della Danza, La Biennale di Venezia ha ritenuto importante e necessario invitare artisti internazionali a confrontarsi con una scrittura scenica, come quella performativa site specific, in grado di raccontare le istanze del contemporaneo. 

Affermano ricci/forte: “In questa esigenza di riportare il Teatro al pubblico, timoroso del contagio e disabituato al rito del palcoscenico, in questa necessità di costruire un gesto performativo nei perimetri sociali del quotidiano, tenteremo di ricostruire il clima veneziano rinascimentale, laddove il fatto teatrale andrà a collocarsi negli spazi vitali, rilanciando il senso di collettività che l’arte deve saper portare ai suoi cittadini”. 

Il tema della performance dovrà essere in linea con il concept scelto da ricci/forte per la prossima Biennale Teatro, Blue, “inteso come accoglienza/distanza siderale dall’altro da noi: il riemergere dalla pandemia e la restituzione di una nuova grammatica comunicativa saranno i binari d’indagine”.

Il progetto site specific si sviluppa nell’arco dell’anno 2021 con due fasi di selezione, al termine delle quali, i due vincitori parteciperanno alla fase di realizzazione e presenteranno, infine, i loro lavori nel corso della prossima Biennale Teatro (2 > 11 luglio 2021).

I programmi destinati ai registi under 35 e agli autori under 40, nati con l’intento di dare voce e visibilità a chi opera nel panorama teatrale nazionale, forti del successo degli anni passati, si svilupperanno nell’arco del biennio 2021-2022, strutturandosi entrambi in diverse fasi di selezione.

Dalle valutazioni del primo, emergerà un unico regista vincitore di un premio di produzione, che gli consentirà la realizzazione, con il supporto dei Direttori artistici, del proprio spettacolo da presentare nell’ambito della Biennale Teatro 2022. 

Dalla disamina del secondo, emergeranno due autori vincitori, che potranno presentare in forma di lettura scenica i loro testi originali, in collaborazione con un riconosciuto centro di formazione teatrale, alla Biennale Teatro 2022.

Tutti i dettagli dei tre bandi si trovano sul sito web della Biennale di Venezia all’indirizzo: www.labiennale.org

Condividi:

Interplay Digital, bando per la realizzazione di due spettacoli

Dopo Interplay Digital, MosaicoDanza ha deciso di valorizzare l’esperienza maturata quando a causa della pandemia ha dovuto ripensare l’edizione 2020 del Festival trovando comunque una formula per andare in scena a “distanza”.

L’organizzazione diretta da Natalìa Casorati ha infatti deciso, in collaborazione con i corsi di Laurea in DAMS e CAM dell’Università degli Studi di Torino, di sostenere la realizzazione di spettacoli di danza contemporanea proposti attraverso creazioni video adatte e pensate per lo spazio digitale e per il web.

Nasce così un bando dedicato alla realizzazione di due spettacoli che verranno trasmessi in streaming durante una serata del festival Interplay a maggio 2021.

Il bando vuole valorizzare la creatività offrendo agli artisti la possibilità di rischiare liberamente nella ricerca di nuove modalità di presentare un lavoro coreografico che utilizzi non solo il corpo dei danzatori come protagonisti unici, come accadrebbe in una buona ripresa video di uno spettacolo di danza, ma valorizzi la coreografia grazie all’ausilio delle tecnologie video, generando un linguaggio nuovo e originale.

Le sezioni del bando, che ha scadenza il prossimo 15 febbraio 2021 e che si può scaricare dal sito www.mosaicodanza.it, sono tre e daranno origine a due spettacoli digitali.

Interplay Still Digital è la sezione destinata a compagnie e coreografi italiani rilevanti e videomaker per uno spettacolo che sarà trasmesso nella serata dedicata alle produzioni digitali durante l’edizione 2021 di Interplay Festival e offre un sostegno economico di produzione pari a 4.000 euro (IVA esclusa).

Interplay Still Digital / OFF, in partnership con  i corsi di laurea DAMS – Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo e  CAM – Cinema, Arti della Scena, Musica e Media – dell’Università degli Studi di Torino si rivolge a compagnie e coreografi locali tra i 18 e i 30 anni con almeno un anno di attività per la realizzazione, in collaborazione con gli studenti DAMS e CAM, del video di uno spettacolo (massimo 15 minuti), per il quale  sarà possibile utilizzare gratuitamente lo studio di registrazione Studium Lab di Palazzo Nuovo. Il sostegno economico per questo bando sarà di 1.000 euro (IVA esclusa).

Interplay coinvolgerà esperti e professionisti in giurie dedicate alla valutazione dei materiali inviati, ma gli appassionati di danza avranno modo di partecipare attraverso un premio del pubblico. Tutti i trailer presentati per la sezione Interplay Still Digital parteciperanno a un vero e proprio concorso online aperto sul sito di MosaicoDanza dalla metà di marzo. Il pubblico assegnerà al video più votato un premio di 300 euro (IVA esclusa).

I bandi e tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.mosaicodanza.it

Condividi:

Premio Hystrio scritture di scena, pubblicato il bando dell’undicesima edizione

Parte l’undicesima edizione del Premio Hystrio-Scritture di Scena, aperto a tutti gli autori di lingua italiana ovunque residenti entro i 35 anni. In considerazione della situazione straordinaria verificatasi a seguito della pandemia, anche per l’edizione 2021 l’ultimo anno di nascita considerato valido per l’ammissione è il 1985.

Premi assegnati:

• Premio Hystrio-Scritture di Scenamise en espace del testo vincitore durante una delle serate della 30a edizione del Premio Hystrio (Milano, Teatro Elfo Puccini, 17-20 maggio 2021); pubblicazione del testo vincitore sulla rivista Hystrio; colloquio formativo riservato al vincitore con alcuni membri della giuria, per meglio approfondire punti di forza e di eventuale criticità del testo premiato.
• Partecipazione al Progetto Situazione Drammatica, in collaborazione con la rassegna Il Copione, per uno o più testi selezionati che verranno fatti oggetto di una lettura scenica nell’ambito delle iniziative di promozione della nuova drammaturgia organizzate a Milano e a Roma, nel corso del 2021.
• Segnalazione Scritture di Scena-Beyond Borders?, in collaborazione con Pav, a un testo che affronta in modo interessante il tema del confine (geografico, culturale, simbolico). Il testo segnalato sarà pubblicato presso l’editore Cue Press e l’autore inserito nel database europeo di Fabulamundi.
• Segnalazione In Scena! Italian Theater Festival NY, in collaborazione con Casa Italiana Zerilli-Marimò di New York. Al segnalato una residenza di 15 giorni a New York, la traduzione del testo in inglese per mano di un traduttore specializzato, la pubblicazione in Usa e la mise en espace nell’ambito del Festival In Scena! che si svolgerà a New York a maggio 2022 (è utile una conoscenza anche scolastica della lingua inglese).

Regolamento e modalità di iscrizione:

– I testi concorrenti dovranno costituire un lavoro teatrale in prosa di normale durata. Non saranno ammessi al concorso lavori già pubblicati o che abbiano conseguito premi in altri concorsi. Qualora il testo ricevesse un premio o una pubblicazione nel corso del Premio Hystrio-Scritture di Scena, è fatto obbligo all’autore di comunicarlo tempestivamente alla segreteria del Premio.
– Non sono ammessi al Premio coloro che sono risultati vincitori di una delle passate edizioni.
– Se la Giuria del Premio, a suo insindacabile giudizio, non ritenesse alcuno dei lavori concorrenti meritevole del Premio, questo non verrà assegnato.
– La quota d’iscrizione, che comprende un abbonamento annuale alla rivista Hystrio, è di euro 45 da versare con causale: Premio Hystrio-Scritture di Scena, sul Conto Corrente Postale n. 000040692204 intestato a Hystrio-Associazione per la diffusione della cultura teatrale, via Olona 17, 20123 Milano; oppure attraverso bonifico bancario sul Conto Corrente Postale n. 000040692204, IBAN IT66Z0760101600000040692204. Le ricevute di pagamento devono essere complete dell’indirizzo postale a cui inviare l’abbonamento annuale alla rivista Hystrio. I lavori dovranno essere inviati alla Redazione Hystrio, secondo le modalità indicate qui di seguito, entro e non oltre il 20 gennaio 2021. I lavori non verranno restituiti.
– Le opere dovranno pervenire mediante posta elettronica all’indirizzo premio@hystrio.it(nell’oggetto dell’email indicare “Iscrizione Scritture di Scena”). Nella email dovranno essere presenti i seguenti allegati: a) file in formato word o pdf del testo rigorosamente anonimo (il nome dell’autore non dovrà comparire in alcuna parte del testo); b) copia di un documento d’identità valido; c) un file di testo riportante, nell’ordine, nome e cognome dell’autore, titolo dell’opera, indirizzo, recapito telefonico ed email; d) una nota biografica dell’autore (massimo 2.000 caratteri); e) ricevuta del pagamento della quota d’iscrizione. Non saranno accettate iscrizioni prive di uno o più dati richiesti né opere che contengano informazioni differenti da quelle richieste.
– I nomi del vincitore e dei segnalati saranno comunicati ai concorrenti e agli organi di informazione entro fine aprile 2021.
– Il testo vincitore e i segnalati avranno l’obbligo di inserire la dicitura “testo vincitore/segnalato al Premio Hystrio-Scritture di Scena 2021” in ogni futura pubblicazione o messinscena.

La giuria sarà composta da: Ferdinando Bruni (presidente), Federico Bellini, Laura Bevione, Fabrizio Caleffi, Roberto Canziani, Sara Chiappori, Claudia Cannella, Renato Gabrielli, Tindaro Granata, Stefania Maraucci, Roberto Rizzente, Letizia Russo, Francesco Tei e Diego Vincenti.

Condividi:

TRAC, bando per 5 residenze digitali per compagnie pugliesi

Pubblichiamo il comunicato stampa di presentazione del bando per cinque residenze digitali presentato da Trac – teatri di residenza artistica contemporanea.

Il TRAC è un Centro teatrale diffuso nato dalla sinergia tra le periferie della Regione Puglia, che si fonda su questo assunto di partenza: la pratica e la ricerca artistica sono strumenti che incidono sulla qualità della vita di un territorio, così come la specificità di un territorio e della comunità che lo abita incidono sulla qualità della pratica e della ricerca artistica. In questo particolare momento storico, dominato da un’emergenza sanitaria che sta diventando progressivamente emergenza economica, sociale e culturale, sentiamo ancora più urgente la nostra mission tanto nei confronti delle nostre comunità di riferimento, quanto nei confronti di un sistema dello spettacolo dal vivo che ha mostrato tutta la sua fragilità e di cui – come Residenze – siamo forse l’anello meno coriaceo, ma certamente il più elastico (e quindi con maggiore capacità di rispondere al presente). Crediamo che uno degli obiettivi principali dell’arte in questo momento sia di sopperire al distanziamento fisico con la vicinanza sociale, e crediamo sia importante rafforzare la qualità di prossimità. 

A tal proposito nasce, come prima azione del neo riconfermato TRAC, il bando per residenze digitali rivolto a compagnie, artisti e performer pugliesi. Le compagnie Bottega degli Apocrifi, Tra il dire e il fare/La luna nel lettocooperativa teatrale CREST, Factory Compagnia Transadriatica, Principio Attivo Teatro, che nel 2018 hanno dato vita al TRAC_Centro di Residenza Pugliese promuovono un bando al fine di individuare 5 progetti artistici presentati da compagnie, artisti e performer residenti e operanti in Puglia, che saranno ospitati in Residenza digitale tra dicembre 2020 e marzo 2021. 

TRAC, in sede di valutazione, si riserva di considerare come elementi di premialità ai fini dell’individuazione dei vincitori del bando: progetti di spettacolo destinati alle nuove generazioni; progetti di spettacolo rallentati o bloccati a causa dell’emergenza sanitaria in atto; progetti di spettacolo di soggetti cosiddetti trampolino, ovvero non precedentemente scritturati da altre realtà.  

Per partecipare al bando, artisti e compagnie dovranno candidarsi entro e non oltre la mezzanotte del 10 dicembre 2020. Requisiti e modalità di partecipazione al bando sono consultabili sul sito http://www.tracresidenzeteatrali.it nella sezione dedicata ai bandi. 

Condividi:

Pubblicati i bandi In-box e In-box verde 2021

In un momento difficile e pieno di incertezze come quello che stiamo attraversando, il progetto In-Box prosegue nell’opera di promozione che da sempre lo caratterizza pubblicando i bandi di partecipazione a In-Box e In-Box Verde 2021. In palio complessivamente fino a un massimo di 91 repliche. C’è tempo fino alle 12 del 29 dicembre 2020 per presentare le candidature. 

ART.1 – Finalità del bando

In-Box sostiene la crescita di una domanda e una offerta teatrali ampie e qualificate attorno al teatro emergente e ai linguaggi del contemporaneo, favorendo il ricambio generazionale.
Per perseguire questi obiettivi In-Box offre spazi di visibilità e confronto attraverso la circuitazione di una rosa di spettacoli che saranno inseriti nelle programmazioni 2021-2022 e 2022-2023 dei Partner della rete.

ART. 2 – A chi si rivolge

Il bando è rivolto ad artisti e compagnie emergenti di ogni età.
In-Box definisce emergenti quelle compagnie le cui opere hanno un alto livello artistico a cui non corrisponde ancora un’adeguata visibilità presso pubblico, operatori e critica.

ART. 3 – Tipologia di spettacoli proponibili

Possono partecipare ad In-Box gli spettacoli di teatro e le proposte che, tenendo sempre al centro della propria poetica il linguaggio teatrale, si aprono alla contaminazione con gli altri linguaggi della scena.
Ogni nucleo artistico può partecipare al presente bando con una sola proposta1. Ogni nucleo può, inoltre, partecipare con un altro spettacolo di teatro ragazzi al bando In-Box Verde.

ART. 4 – Produzioni ammissibili

Possono partecipare a In-Box:
A) spettacoli in forma definitiva (sono ammessi sia spettacoli che hanno già debuttato sia spettacoli inediti, purché la produzione sia, al momento della partecipazione, nella sua forma definitiva);
B) spettacoli di una durata superiore ai 45 minuti effettivi (escludendo quindi momenti di buio non strettamente riconducibili allo spettacolo, titoli di testa/coda, applausi);
C) spettacoli che abbiano debuttato dopo l’1/1/2017;
D) nuclei artistici professionali con sede in Italia;
E) le produzioni di artisti professionisti italiani e/o residenti in Italia2;
F) le produzioni delle Imprese di Produzione di Teatro beneficiarie di contributo FUS (cfr. art. 13 commi 1, 2, 3, 4, 6 DM 17 luglio 2017);
G) le produzioni delle Imprese di Produzione di Danza beneficiarie di contributo FUS (cfr. art. 25 commi 1 e 2 DM 17 luglio 2017);
H) le produzioni delle Imprese di Produzione di Circo beneficiarie di contributo FUS (cfr. art. 31 commi 1, 3, 4 DM 17 luglio 2017);
I) le produzioni dei soggetti titolari di Residenza Artistica (cfr. art. 43 DM. 17 luglio 2017);
L) le produzioni di compagnie professionali sostenute dai Festival beneficiari di contributo FUS (cfr. artt. 17, 29, 32, 40 DM. 17 luglio 2017).
M) le produzioni di compagnie non sovvenzionate dal Ministero co-prodotte da enti percettori di FUS 2018-2020 non espressamente citati nei commi F, G, H, I, L del presente articolo. La compagnia co-prodotta dovrà comunicare in fase di iscrizione chi si intesterà i C1 e le agibilità di tutte le repliche della tournée In-Box. In-Box, in questo momento di particolare difficoltà, ritiene opportuno andare incontro alle esigenze delle compagnie rendendo meno stringenti alcuni criteri di ammissibilità al bando.
Si fa riferimento in particolare (art. 4, comma M) alla possibilità di partecipazione data agli spettacoli co-prodotti da quegli enti percettori FUS 2018-2020 non citati nei commi F,G,H,I,L del presente articolo. Si tratta di un’apertura sperimentale che nasce dalla volontà di intercettare quella parte delle compagnie emergenti che operano in collaborazione con soggetti “ministeriali” e, al contempo, valorizzare il sostegno alla creatività emergente dei soggetti riconosciuti.

ART. 5 – Esclusioni

Sono escluse dal presente bando:
A) le produzioni delle compagnie amatoriali;
B) le produzioni di tutti i soggetti percettori di contributi FUS nel triennio 2018-2020 non espressamente citati nell’art. 4;
C) le produzioni dei Partner di In-Box e In-Box Verde3;
D) le produzioni sostenute da un Partner In-Box4 attraverso il conferimento di fondi/beni/servizi a fronte di un vantaggio economico o economizzabile5;
E) le produzioni delle compagnie che, a partire dal 2010, si sono aggiudicate il titolo di Vincitore In- Box.

ART. 6 – Modalità di partecipazione

Entro e non oltre le ore 12.00 del 29 dicembre 2020 i soggetti interessati devono completare la procedura di iscrizione on-line su SONAR motore di ricerca del teatro emergente (www.ilsonar.it) che si articola in 5 fasi:

A) creazione del proprio profilo compagnia;
B) inserimento dei dati dello spettacolo;
C) caricamento del video integrale;
D) compilazione del form dedicato alle repliche passate dello spettacolo;
E) iscrizione al bando In-Box 2021 mediante il pulsante “In-Box” presente nel proprio profilo compagnia.

È possibile partecipare al presente bando con spettacoli già caricati su Sonar, entrando nel proprio profilo e iscrivendo lo spettacolo a In-Box 2021 (cfr. fasi D ed E sopra descritte). Una volta completata correttamente l’iscrizione Sonar invia una email automatica di conferma.

Clicca qui per leggere il bando integrale In-Box
Clicca qui per il bando integrale In-Box Verde. 

LA RETE IN-BOX

In-Box è una rete di teatri, festival e soggetti istituzionali che promuove alcune delle esperienze produttive più interessanti della scena emergente italiana. In-Box definisce emergenti quelle compagnie le cui opere hanno un alto livello artistico a cui non corrisponde ancora un’adeguata visibilità presso pubblico, operatori e critica. Grazie alla trasversalità di sguardi dei componenti della sua rete, il progetto seleziona spettacoli capaci di dialogare in maniera incisiva con più pubblici rappresentando al meglio il tempo presente. Attraverso la sua azione promozionale e distributiva In-Box intende contribuire al rinnovamento del teatro italiano sostenendo la continuità della ricerca artistica e la dignità economica del lavoro delle compagnie attraverso l’acquisto di repliche a cachet di spettacoli già prodotti.

Condividi: