Spezzata era Lisa Montgomery, una pazza assassina e una donna irrimediabilmente nel male, una donna che è stata condannata a morte dal suo Stato, l’Indiana, ma ch’è stata prima condannata a vita, da una madre, un patrigno, senza possibilità di grazia. In nessun caso.

Anno di stesura: 2021

i

Numero pagine: 25

Numero personaggi: 1 o infiniti

R

Testo già rappresentato: NO

Vincitore del Premio Nuove Sensibilità 2.0, promosso dal Teatro Pubblico Campano 2022

SINOSSI

Spezzata. Rapsodia (per intercessione del silenzio) racconta dell’ultimo silenzio prima del lungo addio.
Ultimo silenzio, come ultima è sembrata essere Lisa Montgomery, una pazza assassina ma prima di tutto una bambina martoriata da una madre e un patrigno che hanno mutato la sua luce, forse insegnandole che nella vita esiste solo il male.

Lisa ha commesso un omicidio brutale, a Lisa è sempre stato imposto il silenzio, dopo stupri, violenze, angherie d’ogni genere in quella roulotte che si stenta a credere, potesse contenere tutto quel male.

Lisa è stata condannata a morte, mediante una lettera recapitatale dal Dipartimento di Giustizia dello stato dell’Indiana, negli USA. In quella lettera, Lisa è stata definita “cara”, ed è stata salutata con “cordialmente”; le uniche due parole d’affetto forse, che abbia mai letto o sentito.

Il pool di psicologi che si è occupato del caso, ha invocato a più riprese la grazia per una donna definita come “la più spezzata del mondo”, ma il presidente Trump non ha accolto l’istanza.

Il giorno dell’iniezione letale, il boia ha chiesto a Lisa se prima di morire, avesse qualcosa da dichiarare ma Lisa, abituata al silenzio, abituata a star zitta, ha risposto semplicemente no.

Il testo vive di presente e di passato, che Lisa ricorda spezzando la propria lingua, come spezzata è stata la sua esistenza.

RICHIEDI IL TESTO INTEGRALE

Compila il form per ricevere gratuitamente il testo integrale. Lo invieremo alla tua mail il prima possibile!

Vuoi ricevere il testo integrale "Spezzata" di Fabio Pisano?

4 + 4 =