OMISSIS

Osservatorio drammaturgico

U

Osservatorio

Omissis è una piattaforma digitale, gratuita e liberamente accessibile. Un osservatorio destinato a rilevare fenomeni culturali e sociali connessi alla drammaturgia contemporanea.

R

Mission

Omissis intende stimolare la conoscenza della scrittura per la scena, di quel nucleo espressivo metafisico, sospeso tra realtà e immaginazione. 

Networking

Omissis immette autori e autrici in una rete virtuosa finalizzata all’ideazione di azioni collettive di sostegno e diffusione della drammaturgia contemporanea.

Il Progetto

Omissis – Osservatorio drammaturgico nasce dalla volontà di indagare la funzione artistica e sociale della drammaturgia nel contesto contemporaneo.

Entrato nel gergo comune come riduzione della locuzione latina “ceteris rebus omissis” – “tralasciate le altre cose” –, l’omissis è uno strumento che, nell’indicazione dell’assenza, si presta a relegare porzioni di discorso in una zona d’ombra.

L’indagine su questo diaframma dell’assenza è la fonte sorgiva di Omissis che si propone di offrire alle voci più interessanti del panorama autoriale nazionale uno spazio di espressione e di visibilità.

In linea con l’interesse per la drammaturgia contemporanea italiana che, nel tempo, ha portato Theatron 2.0 a mappare le esperienze autoriali maggiormente rilevanti, l’osservatorio intende sviluppare un percorso di networking e di valorizzazione di un patrimonio artistico emerso ma che ancora troppo spesso resta celato.

Poiché ho scritto, non ho detto nulla.

Fernando Pessoa

Il drammaturgo: il ventriloquo dell'anima

Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Sono fatto così: o dimentico subito, o non dimentico mai

S. Beckett

Anche se feci tutto quello che avrebbe fatto Čechov, tralasciai un ingrediente essenziale, il genio

Woody Allen

A volte mi capitava di parlare di quello stupore, ma siccome nessuno sembrava condividerlo, e neppure comprenderlo (la vita è fatta di piccole solitudini), lo dimenticai.

Roland Barthes, La camera chiara

Come funziona ?

Omissis è una piattaforma digitale, gratuita e liberamente accessibile.
Un osservatorio destinato a rilevare fenomeni culturali e sociali connessi alla drammaturgia teatrale, i cui protagonisti sono gli autori e le autrici con le loro opere.

Ciascuno di essi dispone di una pagina multimediale personalizzata, in costante aggiornamento, in cui sono raccolti materiali eterogenei: drammaturgie con relative sinossi, schede tecniche delle opere, video di presentazione, curriculum vitae, premi, segnalazioni e menzioni ricevute, articoli, interviste e recensioni utili all’approfondimento del percorso artistico.

I testi selezionati si rivolgono a tutti coloro che siano interessati alla lettura e alla scoperta di testi teatrali e ai professionisti e alle professioniste dello spettacolo che intendano portare in scena le drammaturgie d’interesse. A tal fine, è stato richiesto agli autori e alle autrici di rendere disponibile almeno una drammaturgia inedita in termini di messinscena.

Il testo, laddove pubblicato, sarà reso disponibile ad un costo convenzionato grazie alle partnership stipulate con diverse case editrici nazionali. 

Profili multimediali

Navigando su Omissis potrai consultare i profili multimediali degli autori e delle autrici, costantemente aggiornati, accedere a contenuti inediti, approfondire il percorso artistico e le loro opere.

Drammaturgie

Hai voglia di leggere drammaturgie di autori contemporanei ma non riesci a reperirle facilmente? Sei alla ricerca di testi da portare in scena?
Omissis facilita l’accesso a opere edite e inedite.

Convenzioni

Riceverai gratuitamente i testi integrali inediti. Laddove pubblicate, le opere saranno rese disponibili attraverso un link d’acquisto a cui è stata applicata una scontistica, in partnership con diverse case editrici nazionali. 

CONTATTACI

Compila il form per domande o informazioni sul progetto Omissis. Ti risponderemo il prima possibile.

8 + 3 =

OMISSIS È CURATO DA

CESARE D'ARCO

CESARE D'ARCO

Performer e progettista culturale, nasce a Salerno nel 1991. Nel 2017 consegue una laurea in giurisprudenza con una tesi sul diritto dei beni culturali. Successivamente frequenta un master biennale di secondo livello In management e valorizzazione dei beni culturali e spettacolo dal vivo presso l’Università Roma Tre. Nel 2015 fonda Theatron 2.0, imrpesa culturale che opera in molteplici ambiti delle performing arts sviluppando progetti orientati a promuovere la cultura teatrale.

ORNELLA ROSATO

ORNELLA ROSATO

Nasce a Napoli nel 1993. Nel 2017 consegue la laurea in Arti e Scienze dello Spettacolo con una tesi in Antropologia Teatrale. Ha lavorato come redattrice per Biblioteca Teatrale – Rivista di Studi e Ricerche sullo Spettacolo edita da Bulzoni Editore. Nel 2019 prende parte al progetto di archiviazione di materiali museali presso SIAE – Società Italiana Autori Editori. Dal 2020 dirige la webzine di Theatron 2.0, portando avanti progetti di formazione e promozione della cultura teatrale, in collaborazione con numerose realtà italiane.

GIULIA SANGIORGIO

GIULIA SANGIORGIO

Diplomata con lode in Regia in Paolo Grassi (2018-2021), lavora da dicembre 2021 a marzo 2022 al Piccolo Teatro Strehler e al Teatro Argentina come assistente di Massimo Popolizio per la produzione M., il figlio del secolo. Nel 2021 cura la regia di Corpora, spettacolo attualmente in semifinale al bando Inbox e testo finalista al Premio Tondelli. Nel 2019 collabora con il Teatro alla Scala come assistente alla regia di Gilbert Deflo per il Rigoletto. Si laurea con lode in Lettere (2012) e in Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale (2014) e segue un tirocinio presso il teatro Kismet. Dal 2014 al 2018 lavora stabilmente nella Compagnia Diaghilev, Centro di Produzione e Residenza Artistica pugliese, come regista, responsabile di produzione, assistente alla regia e attrice, collaborando con professionisti come Massimo Verdastro e Guido Levi. Si perfeziona con Danio Manfredini, Fausto Russo Alesi, Elena Bucci, Marco Sgrosso, Chiara Guidi, Monica Capuani, Gilles Coullet. Collabora dal 2017 con Theatron 2.0.