Inégalité – Olympe e la rivoluzione negata nasce in collaborazione con Ensemble Teatro come drammaturgia per una performance in equilibrio tra spettacolo e concerto elettropop. In un countdown che lega la contemporaneità (in cui la rivoluzione è fagocitata dal capitalismo imperante) al 1789, il testo ripercorre la straordinaria vita di De Gouges per scavare nei paradossi del mito su cui si basa il nostro Occidente liberale e progressista. Libera pensatrice, attivista e politica, Olympe de Gouges sfidò la Rivoluzione Francese mettendo a nudo l’ipocrisia di una narrazione scritta dai vincitori, maschi e ricchi. “Se la donna ha il diritto di salire sul patibolo, deve avere il diritto di salire sulla tribuna”: Olympe pronunciò questa frase nel pieno della Rivoluzione francese e la sua assertività, insieme alle sue idee protofemministe e abolizioniste, le procurò l’unica risposta possibile: la ghigliottina. Tra le motivazioni della condanna, i giornali pubblicarono “voleva essere un uomo di stato, ha dimenticato le virtù che convengono al suo sesso”. Due anni dopo la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino pubblicò un pamphlet dal titolo evidente: Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina. Era il 1791 e la iniziava così: “la donna nasce libera e ha gli stessi diritti dell’uomo; tali diritti sono la libertà, la proprietà, la sicurezza e soprattutto la resistenza all’oppressione”.

Anno di stesura: 2024

i

Numero pagine: 33

Numero personaggi: 2 (ed eventuale coro di cittadin3)

R

Testo già rappresentato: SI

RICHIEDI IL TESTO INTEGRALE

Compila il form per ricevere gratuitamente il testo integrale.
Lo invieremo alla tua mail il prima possibile!

Vuoi ricevere il testo integrale "Inégalité – Olympe e la rivoluzione negata" di Giulia Trivero?

9 + 2 =