Il filo immaginario – bando per l’individuazione di 3 residenze artistiche

Mar 4, 2024

IL FILO IMMAGINARIO, sostenuto dal Ministero della Cultura – Direzione Generale Spettacolo in attuazione dell’Art. 43 del D.M. 332 del 27 luglio 2017 e dalla Regione Basilicata ai sensi della D.G.R. 457 del 20 luglio 2022, attraverso l’Accordo di Programma Interregionale triennale 2022-2024, è un bando per l’individuazione di tre residenze artistiche per l’anno 2024, finalizzate alla promozione e sostegno dei nuovi linguaggi della scena creativa, performativa e interdisciplinare. Mette al centro la diversità delle pratiche artistiche, lingue e background. Vuole stimolare il dialogo e incoraggiare la sperimentazione nel campo delle arti performative, dell’arte contemporanea e le pratiche della co-progettazione con la comunità.

Si rivolge a gruppi informali, compagnie e artistə che stiano avviando, sviluppando o portando a compimento un nuovo progetto di ricerca artistica. Ai gruppi, compagnie e artistə presenti sul territorio nazionale e internazionale si offre una residenza creativa della durata di quindici giorni e un contributo a sostegno del progetto in residenza.

Destinatari

Possono partecipare al bando gruppi informali, compagnie e artistə che operino con finalità  professionali  nel  panorama  creativo,  performativo  e  interdisciplinare  sul territorio nazionale e internazionale. I progetti candidati devono essere presentati e realizzati da persone maggiorenni alla data di scadenza del bando (31 marzo 2024). Sono esclusi dalla selezione cultori delle materie o gruppi e compagnie amatoriali.

Un’attenzione particolare sarà posta:

  • alle realtà artistiche presenti sul territorio della Regione Basilicata;
  • ad artistə agli inizi del loro percorso;
  • ai progetti artistici che si misurano con metodi di dialogo culturale, pratiche di cittadinanza attiva e co-creazione.
Tipologie di progetti ammissibili

Sono ammissibili progetti di creazione artistica intesa come: produzione di spettacoli e performance di teatro contemporaneo, teatro per l’infanzia e la gioventù, performance site-specific, teatro danza, performance nello spazio pubblico, creazione multimediale/digitale, pratiche artistiche per la creazione e potenziamento delle comunità, installazioni visive, installazioni sonore, teatro/arte partecipata, danza e altri linguaggi innovativi.

Cosa offriamo

Quindici giorni consecutivi di residenza presso l’Auditorium del Centro Sociale Malvaccaro di Potenza, all’interno dei seguenti periodi non modificabili, salvo esigenze di gestione degli spazi e di organizzazione generale:

  • dal 1 al 30 giugno 2024 (primo periodo);
  • dal 15 settembre al 20 ottobre 2024 (secondo periodo).

In fase di candidatura sarà indicato una preferenza tra primo e secondo periodo di residenza. Tale indicazione non sarà tuttavia considerata come vincolante da Gommalacca Teatro che, per eventuali motivi organizzativi, si riserva di suggerire un periodo diverso da quello indicato come preferenza e, nel caso di specifiche esigenze di gestione degli spazi, di proporre un luogo diverso dall’Auditorium.

Al termine del periodo di residenza, è richiesto un incontro con la comunità, che può avvenire nella modalità più congeniale all’artista o gruppo in residenza e compatibilmente con l’organizzazione generale di Gommalacca Teatro. È possibile che all’artista o gruppo residente venga richiesto anche un incontro iniziale con la comunità, la cui modalità sarà concordata preventivamente. È inoltre possibile per l’artista o gruppo in residenza prevedere, all’interno del proprio progetto e secondo le modalità ritenute più opportune, uno o più incontri intermedi con la comunità durante il periodo di residenza; gli eventuali incontri intermedi devono essere gestiti in totale autonomia dall’artista o gruppo residente.

Supporto professionale e tecnico:

  • Tutoraggio artistico, tecnico e amministrativo-organizzativo (se richiesto);
  • Uso della dotazione tecnica dell’Auditorium (da verificare in base al progetto).

Supporto economico (sostegno al progetto e ospitalità):

  • € 3.350,00 che comprendono un contributo al progetto (saldato con documento fiscalmente valido, in base al soggetto in residenza) e spese per mobilità, vitto e alloggio (saldato con giustificativi di spesa fiscalmente validi).

Il supporto professionale e tecnico, che può essere svolto solo nel periodo di residenza, è concordato con Gommalacca Teatro, che definisce gli accordi in base alla portata delle richieste progettuali e alle esigenze organizzative generali di spazi, di professionisti e di quanto collegato alla residenza artistica “Il filo immaginario”.

Tutti gli importi economici si intendono al lordo di imposte, oneri e tasse.

Fasi del bando

Per partecipare al bando “Il filo immaginario” è necessario compilare il form di candidatura attivabile a questo link esclusivamente con un Account Google: https://forms.gle/rQYdCyzTvsBY8FHq7.

  1. Candidatura progetti: entro le ore 23:59 del 31 marzo 2024;
  2. Comunicazione progetti selezionati: entro la prima decade di maggio 2024;
  3. Contrattualizzazione progetti di residenza: entro 10 giugno 2024;
  4. Residenze artistiche selezionate (vedi calendario sezione “Cosa offriamo”).
Note e contatto email

Le candidature dei progetti ricevute successivamente al giorno e orario indicati dalla scadenza del bando non saranno prese in considerazione. Gli esiti della selezione saranno comunicati a tutti i partecipanti tramite e-mail. Successivamente i risultati, sotto forma di graduatoria, saranno pubblicati sul sito www.gommalaccateatro.it.

Scarica bando completo

Segui Theatron 2.0

Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Bandi  e opportunità