Un luogo di non-morte, e di non-vita; un hospice dove il corpo viene prediletto all’anima, dove pensieri e parole, azioni e silenzi si mescolano senza soluzione di continuità; pazienti con aneliti di vita, personale sanitario tesi alla morte; l’Hospes è un luogo di confine, nell’ultimo giorno di un anno, nell’ultimo giorno di vita.

Anno di stesura: 2018

Premio “Hystrio – Scritture di Scena” (2019)

i

Numero pagine: 76

Numero personaggi: 13

R

Testo già rappresentato: SI

SINOSSI

Il testo Hospes,-itis racconta le vicende di un gruppo di persone, divise tra pazienti e personale, all’interno di una struttura che accoglie malati con patologie rare in stato avanzato e terminale, per accompagnarle alla morte, senza forzature, senza aiuti. Non si pratica l’eutanasia, ma lì i pazienti aspettano di morire “con la barba sempre fatta, sempre lavati, puliti. Sempre con dignità”

“Realizzare un’organizzazione a rete eccellente nella prestazione dei servizi.
E’ la mission. 
E’ l’obiettivo del direttore.
Del factotum.
Del corpo di medici e infermieri.
Della morte, persino.
Hospes è questo.”

All’interno della struttura si alternano le vicende di pazienti, chiamati col nome delle proprie patologie, e del personale, dal direttore al factotum; ognuno vive un dramma personale, finanche la morte, che compare in dialogo sempre e solo col direttore. Sembra avere un conto in sospeso con lui. E’ il trentuno dicembre, l’ultimo giorno dell’anno, è un giovedì. Il direttore difficilmente esce dalla sua stanza; è in attesa di una telefonata. La figlia, infatti, è gravemente malata e lui teme il medico possa comunicargli di portarla lì, proprio ad Hospes, dove poterla “accompagnare”. Il factotum assiste Rohhad, il fratello, in coma irreversibile, ed è combattuto perché proprio Rohhad, prima del coma, gli ha espresso un solo, semplice desiderio: poter morire senza dover rimanere in stato comatoso. Ma le regole sono altre, lì. La nuova infermiera lo sa, o meglio, lo apprende dal discorso del Giovedì proprio del direttore, mentre lentamente s’innamora del medico che invece è vittima della sua pietà per Purpura, una paziente che vuol entrare con lui nella camera del desiderio irrealizzato. 

Intanto Cloves, Lemierre e Parkinson giocano a carte e scommettono e perdono e vincono e fanno testamenti e addirittura s’azzuffano per un debito di gioco, mentre  Minamata e Schindler, coppia di sposi con due diverse gravi patologie, sono convinti d’esser prigionieri e tentano la fuga, invano e addirittura, nel caso di Minamata, rimettendoci ciò che resta della sua vita. E’ il trentuno dicembre, come detto, e il cuoco viene sorpreso dalla notizia per cui il direttore desidera passare la serata e quindi il cenone con loro. Cosa cucinare? 

Tutto in Hospes si mescola, tutto in Hospes perde il confine e allora ecco che chi deve morire vive di pulsioni vitali, chi deve vivere sente sempre più vicina la morte. La stessa morte, si sente un peso, un di più.

Hospes è un non luogo dove sopravvivere, in ogni caso, al di là della malattia e dove, in un estremo e continuo cortocircuito, tutto finisce per esplodere, per saltare in aria, ad una manciata di secondi dalla mezzanotte. Di Hospes non resta più nulla. Come giusto (o no) che sia.

Grazie alla partnership con Editoria & Spettacolo puoi acquistare la raccolta Prossimità di Fabio Pisano di cui fa parte il testo Hospes, -itis al costo convenzionato di 14,40 euro (20% di sconto). 

Compila il form per procedere all’acquisto! 

Vuoi acquistare PROSSIMITÀ di Fabio Pisano?

6 + 4 =