Un Padre, una Madre, un Figlio.
Nessun nome, nessuna età specificata.
Solo il tavolo di una cucina e dei ricordi terribilmente vivi.

Anno di stesura: 2015

i

Numero pagine: 31

Numero personaggi: 3

R

Testo già rappresentato: SI

11° Premio Riccione Pier Vittorio Tondelli

SINOSSI

Essere Bugiardo è una storia basata sul non aver più niente, se non ricordi e poca forza nell’ affrontarli. Il Padre, protagonista dell’opera, sprofonda nella palude melmosa del dolore dato da mancanze famigliari, dal pentimento per parole non dette, da un passato che non svanisce e che lui non vuole assolutamente dimenticare. Seduto al tavolo della sua cucina, cercherà spiegazioni per ciò che è accaduto alla sua famiglia, dialogando con la moglie e con il figlio attraverso meccanismi da commedia del lutto, scavando nei loro trascorsi, confrontandosi con l’incapacità di avere un vero presente. I famigliari sono investiti dalle bugie di un uomo, diventato più figlio che padre, incapace di restare solo, che ricorre alla bugia per costruire una sua verità. I tre vivono in un tempo che li assorbe, le lancette dell’ orologio vanno avanti e indietro nel tempo in questa cucina ferma come il Padre, bloccato sulla sua sedia dalla quale rivede la sua esistenza. Saranno i famigliari che cercheranno di fargli trovare la forza di accettare il dolore del passato per far scattare le lancette dell’ orologio.

RICHIEDI IL TESTO INTEGRALE

Compila il form per ricevere il testo integrale. Lo invieremo alla tua mail il prima possibile!

Vuoi ricevere il testo integrale "Essere bugiardo" di Carlo Guasconi?

6 + 3 =