Bando ORIZZONTI – Generazioni a confronto

Bando ORIZZONTI – Generazioni a confronto

La Fondazione TRG indice una manifestazione di interesse, rivolta ad artiste e artisti esordienti under 30, per l’accompagnamento allo sviluppo di progetti artistici di spettacolo dal vivo per le nuove generazioni.

ORIZZONTI prevede, in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo, una fase di accompagnamento, nell’anno 2024, con giornate di approfondimento e workshop finalizzate allo sviluppo di massimo 4 progetti artistici selezionati e una fase di realizzazione artistica di un solo progetto, fra quelli accompagnati nella fase precedente, che sarà prodotto dalla Fondazione TRG nell’anno 2025.

La candidatura, completa di tutta la documentazione richiesta, deve essere obbligatoriamente inviata entro e non oltre le ore 12.00 del giorno venerdì 14 giugno 2024 esclusivamente per via telematica, tramite PEC, all’indirizzo di posta elettronica certificata: bandieconcorsi.fondazionetrg@legalmail.it

Il bando sarà illustrato attraverso una presentazione on line venerdì 31 maggio alle ore 12, un’occasione, aperta a tutti coloro che desiderano partecipare al bando, per chiarire dubbi sui requisiti e la compilazione dello stesso. Per partecipare è necessario compilare questo form; il 30 maggio sarà trasmetto il link per partecipare all’incontro.

L’esame dei progetti avverrà sulla base della documentazione presentata e su autonomo e insindacabile giudizio della Commissione di valutazione.

BANDO

ALLEGATO A

ALLEGATO B

Call per contenuti multimediali in donazione. IN_OUT – Libertà aumentata

Call per contenuti multimediali in donazione. IN_OUT – Libertà aumentata

Compagnia Teatrale Petra lancia una call destinata a enti culturali, centri di produzione e content creator per arricchire il progetto IN_OUT – Libertà aumentata, rassegna di teatro-danza dedicata ai detenuti e all’uso delle nuove tecnologie che fonde due progettualità: IN&OUT, finanziato dal Bando TOCC – Transizione Digitale Organismi Culturali e Creativi dei Ministeri della Cultura e dello Sviluppo Economico e Teatro oltre i Limiti, finanziato da 8×1000 dell’Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi.

La call si rivolge a enti di promozione turistica, enti culturali, associazioni di promozione sociale, musei, centri di produzione, Università, artisti e content creator che dispongano di contenuti digitali di divulgazione scientifica o artistica, fruibili tramite visori VR. Tali soggetti potranno donare i propri contenuti contribuendo alla creazione di una library multimediale che sarà messa a disposizione in via esclusiva agli istituti di pena coinvolti di Potenza, Matera, Melfi, Bari, Brindisi, Lecce, Trani.

In un’ottica di reciproca collaborazione e di trasparenza verrà data adeguata visibilità alle collaborazioni tramite l’inserimento dei crediti sulla comunicazione del progetto e nel materiale promozionale prodotto (siti, flyer, comunicato stampa, social, ecc.). La donazione verrà regolarizzata tramite accordo di esclusività (anche a tempo se richiesto).

Sarà possibile effettuale la donazione compilando il seguente modulo:
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeIrBVmq9xhvSyH_EPcQgZVOCwscj7gosQCZPYiZP3b65_r5A/viewform

Sono già molteplici le realtà che hanno deciso di sostenere il progetto con la donazione di visori VR o la concessione di contenuti di qualità: una rete territoriale che si amplia e permette di immaginare interventi strutturati e sempre più visionari, sia a Potenza che negli altri istituti coinvolti. IN_OUT. Libertà Aumentata, avviato a Potenza e sperimentato in sinergia con il Provveditorato di Puglia e Basilicata, negli istituti di pena di Potenza, Matera, Melfi, Bari, Brindisi, Lecce, Trani aspira a diventare una buona pratica replicabile in altri istituti e contesti.

IL PROGETTO

IN_OUT. Libertà Aumentata è la rassegna di promozione del teatro in carcere promossa dalla Compagnia Petra che mette insieme teatro, danza, transizione digitale, carcere e società civile per superare il limite, ribaltando la concezione detentiva e favorendo una nuova visione, da luogo di vergogna a luogo di cultura.

Un progetto che racchiude una doppia valenza che si muove fra IN e OUT, ossia dentro e fuori le mura degli istituti penitenziari. Attraverso l’utilizzo dei visori VR, con l’IN verrà portata “dentro” una rassegna di contenuti multimediali per i detenuti, con l’OUT invece sarà esportata “fuori” la poetica che i detenuti saranno capaci di generare durante il laboratorio di teatro-danza condotto da Antonella Iallorenzi e Mariagrazia Nacci con la produzione finale diretta dal regista Matteo Maffesanti.

Far familiarizzare i detenuti con le nuove tecnologie è uno degli obiettivi del progetto, la tecnologia ha uno sviluppo molto veloce, questo fa sì che i detenuti al loro reintegro nella società si ritrovino in un mondo cambiato, completamente differente, che usa strumenti complessi, a loro ignoti, alla fine della pena. Il progetto, avviato a Potenza, coinvolgerà anche altri istituti in sinergia con il Provveditorato di Puglia e Basilicata del Ministero della Giustizia. Le arti performative e le nuove tecnologie, combinate, diventano una risorsa per abbattere il “limite” tra dentro e fuori e favorire una nuova visione del carcere.

L’ESPERIENZA DEL TEATRO IN CARCERE

La Compagnia Teatrale Petra si occupa da anni di produzione, formazione e teatro sociale. È attiva dal 2013 all’interno della sezione maschile e femminile della Casa Circondariale di Potenza e Matera con rassegne di promozione teatrale e percorsi pedagogici rivolti ai detenuti, sperimentando un nuovo modo di relazionarsi per includere, promuovere e valorizzare le differenze. Nel 2017 entra a far parte del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere, una rete nata per offrire progettazione, luoghi di confronto e qualificazione del movimento teatrale sorto all’interno delle carceri italiane a partire dagli anni 80.

Nel 2018 la compagnia stipula con la Casa Circondariale di Potenza un accordo operativo finalizzato alla gestione dello spazio teatrale presente nella struttura, per la realizzazione delle attività culturali del capoluogo lucano e la creazione di un “ponte” tra dentro e fuori le mura, non solo fisiche, del contesto carcerario.

Sono molteplici le modalità attraverso le quali il teatro diviene strumento d’inclusione: laboratori sulle tecniche teatrali per permettere ai detenuti di aprire una finestra sull’esterno; laboratori intensivi integrati guidati da artisti di fama nazionale e internazionale per attori-detenuti e allievi delle scuole secondarie di II grado; programmazione di rassegne all’interno dello spazio Teatro della Casa Circondariale di Potenza; formazione di operatori sociali per fornire ai soggetti coinvolti le competenze utili da impiegare nelle diverse attività dei progetti realizzati; incontri e percorsi per un pubblico esterno, studenti delle scuole secondarie di II grado e per l’amministrazione penitenziaria, volti a sensibilizzare ed educare sul tema del carcere e del teatro sociale; monitoraggio per valutare il reale impatto che l’attività teatrale può avere, in positivo o in negativo, sulla vita dei detenuti.

Bando per macchinisti – Teatro dell’Opera di Roma

Bando per macchinisti – Teatro dell’Opera di Roma

La Fondazione Teatro dell’Opera di Roma indice una Selezione per eventuali assunzioni a tempo determinato per le prove e le rappresentazioni di singoli o più spettacoli programmati per le esigenze di produzione relative alla Stagione 2023-24 per Macchinisti nel Reparto Macchinisti (livello 5° area tecnico-amministrativa).

Leggi il bando completo.

Piattaforma per la circuitazione dello spettacolo professionale della Regione Trentino-Alto Adige

Piattaforma per la circuitazione dello spettacolo professionale della Regione Trentino-Alto Adige

Dopo il successo delle passate edizioni, è online il bando di ammissione alla Piattaforma per la circuitazione dello spettacolo

professionale regionale 2024, iniziativa sostenuta dalla Regione Trentino-Alto Adige e promossa da Teatro Stabile di Bolzano, Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento e Coordinamento Teatrale Trentino. Questa nuova edizione si rivolge alle compagnie e alle realtà professionali del territorio regionale per l’inserimento nelle programmazioni dei tre entri di spettacoli per adulti e tout public, con particolare attenzione a titoli inediti 

La partecipazione alla Piattaforma per la circuitazione dello spettacolo professionale regionale avviene previa adesione entro il 31 maggio 2024 al bando scaricabile dai siti dei tre enti (teatro-bolzano.it; centrosantachiara.it ; trentinospettacoli.it). Gli esiti della selezione saranno pubblicati il 10 giugno sempre sui rispettivi siti. 
I progetti artistici individuati verranno presentati in autunno 2024 ed entro la fine dell’anno saranno inseriti all’interno delle programmazioni dei singoli enti: nell’ambito della “Stagione Regionale contemporanea 2024/2025”, in una sezione apposita, e in date dedicate a spettacoli per ragazzi e famiglie sul territorio. La Stagione Regionale Contemporanea è organizzata congiuntamente tra TSB e CSC e comprende i grandi nomi della scena contemporanea italiana e internazionale, di prosa e danza. CSC, TSB e CTT programmano inoltre spettacoli di Teatro ragazzi nei week end per le famiglie.

Le proposte dovranno pervenire entro il 31 maggio 2024 all’indirizzo info@teatro-bolzano.it con oggetto “Bando Piattaforma per la circuitazione dello spettacolo professionale regionale 2024” allegando i seguenti moduli compilati : Profilo della compagnia ; Scheda artistica del/dei progetto/i (massimo due progetti). Se presente si richiede inoltre l’invio del seguente materiale: scheda tecnica o indicazioni tecniche; immagini e video relativi agli spettacoli;  indicazioni di costo per singola recita.

Call responsabile logistica per il Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni

Call responsabile logistica per il Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni

Il Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni è alla ricerca di un/a responsabile del settore Logistica da integrare al proprio organico a partire da giugno 2024. Inviare la domanda entro e non oltre il 15 maggio

Il Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni è alla ricerca di un/a responsabile del settore Logistica da integrare al proprio organico a partire da giugno 2024.

Il/la candidato/a gestirà la logistica del Centro (staff, compagnie, operatori, giornalisti); nello specifico, il ruolo prevede l’organizzazione degli spostamenti degli ospiti e della compagnia (acquisto biglietti di viaggio e transfer), la prenotazione di strutture ricettive e la cura dei rapporti con le attività di ristorazione e alberghiere del territorio e non, la ricerca di soluzioni di ospitalità alternative, l’allestimento degli alloggi per lo staff, la predisposizione dei materiali di accoglienza e infine previsione e rendicontazione delle spese.

Il settore fa capo all’area Produzione e collabora inoltre con l’ufficio Artistico e Amministrativo.

REQUISITI

Il/la candidato/a dovrà possedere i seguenti requisiti:
• ottime capacità organizzative e relazionali;
• ottime capacità di problem solving;
• ottima conoscenza del pacchetto Office, in particolare Excel;
• capacità di rendicontazione;
• precedente esperienza in Logistica nell’ambito dell’organizzazione di eventi di almeno 2 anni;
• ordine e precisione;
• conoscenza della lingua inglese;
• la conoscenza di una seconda lingua straniera è un plus;
• in possesso di una patente valida.

TIPO DI CONTRATTO
I termini della collaborazione, siglati da regolare contratto e retribuzione, saranno discussi direttamente in sede di colloquio.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
Si richiede l’invio di un curriculum dettagliato del candidato accompagnato da una lettera contenente le motivazioni che concorrono alla manifestazione di interesse per l’assunzione dell’incarico.
Gli/le interessati/e sono invitati/e a inviare la domanda entro e non oltre il 15 maggio all’indirizzo cango@sienidanza.it  specificando in oggetto “Call Responsabile Logistica”.

Interfaccia Digitale 2024. Open call

Interfaccia Digitale 2024. Open call

Interfaccia Digitale è un premio di danza promosso e organizzato da HANGARTFEST, festival internazionale di danza contemporanea, per diffondere i linguaggi artistici contemporanei, incoraggiare la creatività attraverso l’uso dei media digitali e creare le condizioni per una crescita culturale basata su scambi artistici interdisciplinari. Interfaccia Digitale si svolge a partire dal 2020.

Il Premio si propone di:
• sostenere la produzione di nuove opere video di danza;
• promuovere l’uso di linguaggi espressivi contemporanei veicolati attraverso il video e le nuove tecnologie;
• attrarre artisti provenienti da ambiti diversi, come le arti dello spettacolo e le arti visive, facilitando l’interazione tra i linguaggi artistici.

A tal fine, Interfaccia Digitale sosterrà i costi di produzione di una nuova opera video con l’assegnazione di un premio in denaro. La nuova opera sarà poi presentata fuori concorso all’edizione successiva del concorso.
I destinatari sono coreografi, performer e creativi delle arti performative di qualsiasi nazionalità, che abbiano almeno 18 anni.

L’evento 2024 si svolgerà a Pesaro / Italia presso il Teatro Maddalena dal 12 al 13 ottobre 2024 alla presenza del pubblico, dei finalisti e della giuria. La cerimonia di premiazione chiuderà l’evento.

I candidati possono partecipare a Interfaccia Digitale attraverso un bando annuale diffuso a livello internazionale tramite FilmFreeway.

Premi e riconoscimenti
Un premio in denaro di 1.500 euro lordi (al lordo delle tasse) viene assegnato al vincitore per sostenere la produzione di un nuovo video di danza da presentare alla prossima edizione del concorso.
Le menzioni d’onore sono assegnate dalle giurie ai finalisti selezionati.

Info www.hangartfest.it