Quando aveva sedici anni Anna ha ucciso la madre e la sorellina a coltellate. Ora di anni ne ha trenta, ed è appena uscita di prigione. Ad attenderla c’è il padre, che nonostante tutto le è rimasto vicino, che ha ricostruito la propria vita attorno a quella figlia che sui giornali chiamano “mostro”. E c’è un uomo, ossessionato da Anna e da quei brutali omicidi, che la insegue e vede in lei una compagna di vita. E c’è una coppia, i nuovi vicini di casa di Anna, che credono che non sia giusto che lei sia tornata in libertà, e fantasticano di ucciderla.

“Anna” è un viaggio nel male, e nella fascinazione che esercita su noi umani. E’ una riflessione sulla nostra incapacità di perdonare, sull’odio, sulla nostra incapacità di riconoscerci come possibili carnefici.

Anno di stesura: 2021

i

Numero pagine: 25

Numero personaggi: 5

R

Testo già rappresentato: No, è stato letto a Roma Europa Festival e al Teatro Carcano a Milano nel 2021, tramite l’associazione Situazione Drammatica

Menzione speciale Situazione Drammatica al Prmeio Hystrio Scritture di scena

SINOSSI

Anna è tornata a casa. Anna, quella che a sedici anni ha massacrato la madre e la sorella con un coltello da cucina. Anna che è stata perdonata dal padre: nei quindici anni di carcere lui le è stato sempre accanto, e ora è pronto ad aspettarla a casa. Ma ci sono anche altri ad attenderla: una coppia, i suoi futuri vicini di casa, che sono pronti a fare giustizia, convinti che Anna non meriti di essere uscita dal carcere; e un uomo, misterioso, che vede in lei una possibile compagna di vita.
Il ritorno a casa di Anna diventa un viaggio attraverso il suo passato, un incontro con il male che cambia la vita di tutti i personaggi.
Il testo prende spunto da un famoso caso di cronaca e ne esplora i limiti, scatenando una riflessione sull’odio. Il fatto di cronaca diventa una moderna tragedia che ci pone di fronte agli isterismi e alla violenza della nostra società contemporanea.

2021: Menzione speciale Situazione Drammatica al Prmeio Hystrio Scritture di scena con “Anna”

Anna è un nome che può essere letto da destra verso sinistra e viceversa, come a indicare, segretamente, che può essere letto come fossimo testimoni o artefici, oppure vittime o carnefici. La scrittura di Fermariello è scarna e diretta, come se non avesse paura di dare nome alle mostruosità dell’animo umano; ha il pregio di creare un ambiente desertico, grazie a un linguaggio apparentemente povero condizionato dallo slang televisivo di questi tempi. Colpisce, in Anna, la mancanza di empatia dei personaggi, che costruiscono relazioni senza possibili vie di fuga; eppure i loro ragionamenti sono lo specchio che dovrebbe condurci a una via d’uscita… se fossimo diversi da loro.

RICHIEDI IL TESTO INTEGRALE

Compila il form per ricevere gratuitamente il testo integrale.
Lo invieremo alla tua mail il prima possibile!

Vuoi ricevere il testo integrale di "Anna" di Tommaso Fermariello?

2 + 2 =