14mila repliche annullate e 2mila laboratori saltati: la crisi del teatro per ragazzi

ASSITEJ International è un’organizzazione mondiale che opera dal 1965 e riunisce centinaia di teatri e organizzazioni artistiche e culturali nei centri nazionali di oltre 80 Paesi. Raggruppa artisti e compagnie teatrali che si dedicano professionalmente alla creazione di un teatro per il pubblico giovane e intende promuovere la qualità e il significato culturale del teatro per l’infanzia e la gioventù.

ASSITEJ Italia, sezione italiana dell’associazione mondiale, riunisce ad oggi 107 soci su tutto il territorio nazionale. Recentemente ASSITEJ Italia ha condotto un’indagine sulle conseguenze della crisi epidemica sul settore del teatro per ragazzi (con un focus dedicato agli spettacoli e ai laboratori formativi).

Oltre quattordicimila repliche sfumate e più di duemila laboratori annullati con una stima di oltre due milioni tra bambini e adolescenti che non hanno potuto accedere al teatro nel 2020. Sono questi i dati che emergono dal confronto con i numeri del 2019 relativi alle attività svolte dai soci di ASSITEJ Italia.

“Bisogna considerare che il Teatro Ragazzi – spiega Linda Eroli, presidente Assitej – è stato tra i primi settori ad essere interrotto dalla pandemia: per la specificità del suo rapporto con il pubblico, per la sua relazione privilegiata con il mondo della scuola, per la peculiarità delle sue creazioni artistiche e culturali rivolte all’infanzia e all’adolescenza”. Uno dei compiti principali che si è dato Assitej in questo lungo anno pandemico è stato quello di aprire delle linee di confronto, sia interne all’associazione sia esterne, che mettessero al centro il ruolo del teatro ragazzi nel superamento di questa fase. La pandemia – continua Linda Eroli – è stata per molti aspetti una cartina tornasole che ha fatto emergere fragilità pregresse. Qual è l’investimento che si vuole fare sull’infanzia e sui giovani? Quali le competenze e le alleanze necessarie per una visione strategica che superi disparità territoriali, progettualità e contributi intermittenti o di breve periodo, che fotografi l’esistente e che riconosca lo spettacolo come servizio essenziale per la comunità?”. 

Come ha dichiarato il report delle Nazioni Unite del 15-04-2020 dedicato all’impatto della COVID-19 sui bambini: «I bambini non sono i più colpiti da questa pandemia, ma rischiano di essere le sue più grandi vittime».
Assitej Italia vorrebbe andare ancora più a fondo in questa ricerca e provare a conoscere meglio tutto il panorama del teatro ragazzi professionale italiano. Da qui il lancio di un questionario (qui il link https://forms.gle/fh7JeYmFW2SuoCq1A) destinato alle realtà che si occupano professionalmente di teatro ragazzi per approndire ulteriormente il censimento.

Condividi: