La forza eiaculatrice dell’occhio

Dalla Démiurge#1 a Non aspetteremo più i barbari, un corto di danza di un minuto che porta a uno sviluppo di 8 minuti.

Tutto è iniziato lavorando a un duetto con Valeria Zampardi e Fernando Roldan Ferrer con l’intenzione di costruire un nuovo mondo cercando di capire le leggi e le dinamiche che lo governano per realizzare un cortometraggio di danza. Siamo partiti dalla possibilità del personaggio femminile di viaggiare nello spazio liberamente dandole la facoltà di attraversare le pareti e di sparire completamente. Questo ha rimandato il nostro immaginario al soprannaturale e quindi ai super eroi della cultura blockbuster, manga e fumettistica.

Ci siamo divertiti a confrontare queste mitologie « pop mainstream » con la nostra pratica della danza contemporanea. Ci siamo lasciati andare ad altre citazioni come per le scarpe della Démiurge (le Onitsuka Tiger “vespe” di Uma Turman) o per la musica usata da Tarantino, anch’essa piena di rimandi e di omaggi cinematografici ben chiari. Diversi sono stati gli spunti: dal western di Sergio Leone al cinema di Hong-Kong, alternando inquadrature a volte nervose e altre volte più stabili accompagnate da raccordi diversi o da inquadrature fumettistiche, toccando anche Matrix. Nel secondo film di 8 minuti, Christopher Nolan e Won Kar Wai sono stati fonte d’ispirazione sia per alcune riprese dove è stato utilizzato il drone sia per il modo in cui i personaggi entrano nell’inquadratura prima del confronto con gli altri. Da lì il principio coreografico di una danza-combattimento, una caccia che si sposta da una location all’altra.

L’essere influenzato dalla cultura di massa dei Blockbuster mi riporta a una forma di barbarismo derivante dalla mia formazione culturale composta da segni, linguaggi e mezzi espressivi, in parte estranei alle estetiche italiane, francesi e in generali europee. Ma è altrettanto vero che la cultura americana si è talmente diffusa in Europa dal dopo guerra fino ad oggi da poter dire che il « soft power » americano ha fatto di me un barbaro pieno e soddisfatto:

Vi rimando alla poesia di Costantino Cavafy, in cui le invasioni barbariche vengono considerate dai romani come una sorta di soluzione per far rinascere Roma, una benedizione per mescolare le usanze e le ricchezze dei popoli. Gli “invasori” della nostra epoca sono stati gli americani che, dal piano Marshall in poi, hanno esportato oltreoceano i propri modelli culturali di massa, con particolare riferimento all’industria del cinema e della musica. La televisione, il cinema e, più in generale, la cultura sono la più grande arma di persuasione, forse più efficace della forza militare.

Io, francese ed europeo, vivendo in Italia, posso scavare nelle mie radici fino ad arrivare al peccato originale, quindi convoco Prometeo e Sisifo e dico al contrario dei romani di Cavafy che non aspetterò più i barbari perché sono già dentro di me: dalla mia nascita essi mi vestono, mi abitano e hanno plasmato il mio cervello. La California era già più sexy della Siberia durante la guerra fredda, come potevano vincere i soviet davanti allo charme della giovane società del consumo e del divertimento? Lo sviluppo verso il corto “Non aspetteremo più i barbari” ha portato all’introduzione di un terzo personaggio misterioso (l’attore Silvio Laviano) e alla possibilità di creare un loop dove i protagonisti sono condannati a ricominciare la stessa storia. Concedo ad Adamo ed Eva il privilegio di compiere un viaggio nel tempo per fargli vivere le conseguenze di quel peccato.

Sapevo che senza dialoghi né voci off, lo spettatore sarebbe stato libero di ricostruire la propria storia a partire dalla visione del film. Ci sono alcuni simboli visivi che nella concatenazione delle immagini potrebbero portare l’osservatore a porsi qualche domanda – o immaginarsi qualche possibile ‘trip’. E se veramente non ha capito né percepito niente, spero almeno di avergli procurato il piacere di un’esperienza estetica.

Il rischio di usare un piano sequenza per il momento « clou » del film, contrastando con il linguaggio dei film d’azione

Ho scelto di realizzare un piano sequenza nel momento clou del film per contrastare il linguaggio del film d’azione nella prima parte (anche nelle scelte di colorimetria e nel « grading » « teal and orange » stra usato per i Blockbuster). Una sorta di resistenza all’invasione barbarica, un’interpretazione giustificata dalla drammaturgia che cerca di legare il contenuto con la forma. Gli interpreti hanno danzato al meglio in una coreografia a tre insieme a me.

Era rischioso non solo per il fatto di dover ballare un’intera sequenza nel miglior modo possibile ma soprattutto per il fatto di dover rompere il ritmo della prima parte. Volevo che in quel momento i personaggi fossero stati solo umani, quindi il tempo dello spettatore doveva essere quello dei protagonisti, immerso con loro in un tempo reale attraverso tutti i salti e i voli spaziali. È stata una performance che migliorava a ogni ripresa. L’ottava volta è stata quella giusta: eravamo sfiniti ma convinti che almeno una ripresa era buona e che avremmo di lì a poco dovuto anche liberare il Palazzo Biscari di Catania che ci accoglieva.

Estratto backstage dell’ottava del piano sequenza

 

“Preparare un film come una battaglia, il cinema sembra un’ arte militare.”
Robert Bresson « Notes sur le cinématographe » ed. Gallimard

“I rumori devono diventare musica.”
 Robert Bresson « Notes sur le cinématographe » ed. Gallimard

« Montare un film significa unire i personaggi tra di loro e agli oggetti attraverso gli sguardi »
« Uno solo sguardo fa scattare una passione, un assassinio, una guerra. »
« La forza eiaculatrice dell’occhio. »

Robert Bresson « Notes sur le cinématographe » ed. Gallimard

La danza non poteva bastare. Senza gli sguardi dei protagonisti né il film né questo teaser esisterebbero.

 We no longer wait for the Barbarians 

Screenplay/Filming/Editing: Alain El Sakhawi
Choreography: « QBR Collective »: Alain El Sakhawi/Valeria Zampardi/Fernando Roldan Ferrer
Performers: Valeria Zampardi/Fernando Roldan Ferrer/Silvio Laviano
Production: COORPI La danza in 1 minuto / Scenario Pubblico CZD
Awards: « Honorable mention for Innovation » Bucarest Dance Film Festival 2017 (Romania), « Prix de la mise en
scène » 3iS School for Cinema and audiovisuel of Bordeaux in International DanceFilm Festival/ Danse en Film-Bordeaux (France), « Jury award+Audience award » RIFF-second edition 2017 (Norway), “Creation support” to
FIVER International Screendance Festival 2017 (Spain).

« Non aspetteremo più i barbari » si trova nel programma “Kurzschluss / Court Circuit” del canale franco-tedesco ARTE.

Condividi: