Nuova direzione artistica per il centro di produzione teatrale La Piccionaia di Vicenza

ll Centro di Produzione Teatrale La Piccionaia di Vicenza annuncia l’ingresso di Enrico CastellaniValeria RaimondiMarta e Diego Dalla Via ad affiancare l’attore e regista vicentino Carlo Presotto nella direzione artistica, uniti dalla stessa visione di teatro politico.

L’annuncio ufficiale arriva a poche settimane dalla presentazione al MiBACT del progetto artistico per il prossimo triennio 2018-2020, che vede tra i suoi punti di forza proprio l’inedita co-direzione con i componenti e fondatori di Babilonia Teatri e Fratelli Dalla Via, due realtà della scena contemporanea nazionale tra le più innovative dell’ultimo decennio, fin dai rispettivi esordi in forte relazione con La Piccionaia (tra le più recenti collaborazioni la co-produzione di “Personale Politico Pentothal” dei Fratelli Dalla Via e le regie firmate Babilonia Teatri per Carlo Presotto in “Ho un lupo nella pancia” e “Scarpe di cuoio”) e da oggi coinvolte a pieno titolo nel futuro della storica compagnia vicentina.

> SCOPRI I SERVIZI PER LO SPETTACOLO DAL VIVO DI THEATRON 2.0

“Con questa trasformazione – commenta il presidente Presotto – La Piccionaia scrive a chiare lettere la sua determinazione a non arroccarsi in difesa del suo patrimonio storico, ma, al contrario, la sua volontà di mettersi in discussione, di contaminarsi: in un parola, di superarsi. Non si tratta di un’operazione di facciata, ma di una scelta di senso e di contenuti. Un segno forte di apertura: verso il fuori, il mondo, i linguaggi contemporanei, le nuove generazioni”.

“Il teatro ha il dovere di riflettere sul presente e di creare alternative di futuro – sottolineano Marta e Diego Dalla Via –. Quando l’arte si riduce ad uno scambio tra addetti ai lavori finisce per abdicare al proprio ruolo. La Piccionaia può e deve far sentire la propria voce e la propria presenza sul territorio chiamando in causa le proprie comunità di riferimento, offrendo interrogativi e stimolando risposte. È per queste ragioni che abbiamo sentito il desiderio di dare il nostro contributo a questo progetto educativo e culturale. Il Veneto è una ricca e complessa metropoli europea ma continua ad essere raccontato e vissuto in termini di campanili, di confini, di stilemi e di paure. L’emancipazione culturale di queste terre sarebbe l’autentico miracolo del Nordest.”

“Con La Piccionaia – concludono Enrico Castellani e Valeria Raimondi – abbiamo deciso di provare a disegnare un progetto culturale in cui il fulcro dell’azione siano l’espressione artistica e la capacità di incidere su un territorio e, su più larga scala, sulla società tutta. Un progetto in cui il fare teatrale non sia al servizio dei numeri, imbrigliato dalla burocrazia, ma in cui, al contrario, siano numeri e burocrazia ad inseguire la creazione e il suo incontrare e abitare il mondo”.

LA PICCIONAIA:

La Piccionaia S.c.s. Onlus-Centro di Produzione Teatrale è una struttura che riunisce una rete di varie ed articolate identità artistiche intorno ad un progetto di teatro popolare d’arte contemporanea, con particolare dedica alle giovani generazioni, coordinato dalla direzione artistica di Carlo Presotto.
Poetiche diverse per un’etica comune caratterizzata dall’attenzione allo spettatore. Un teatro di relazione con il pubblico, prima di tutto, un teatro che concepisce la scena come luogo di incontro, che considera lo spettacolo incompleto senza l’apporto “dell’ospite d’onore”, di qualunque età, cultura o provenienza.
Il comune denominatore del progetto produttivo dei vari artisti – Ketti Grunchi, Gianni Franceschini e Pippo Gentile, Carlo Presotto e Paola Rossi per bambini e famiglie, Babilonia Teatri, Fratelli Dalla Via, Tiziana Di Masi e Mario Perrotta per le produzioni serali – è l’idea che l’esperienza dell’arte sia qualcosa di utile e stimolante per tutti. Idea che ciascuno declina nell’autonomia del proprio percorso poetico – offrendo un vasto ventaglio di proposte sul mercato teatrale nazionale e internazionale.
All’interno dei percorsi di produzione degli spettacoli, la Piccionaia realizza e propone anche attività di pedagogia dell’arte per bambini, ragazzi e adulti attraverso laboratori/seminari tematici e attività continuative come “Fabbricateatro”, luogo fisico e progettuale dove ragazzi e giovani-adulti hanno la possibilità di confrontare e sperimentare le proprie idee e i propri orizzonti, accompagnati dall’esperienza di Ketti Grunchi, direttrice artistica del progetto.
La struttura è riconosciuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come Centro di Produzione Teatrale, è associata ad AGIS, Legacoop e Arteven-Circuito Teatrale Regionale, fa parte di Libera Associazione contro le mafie; è socia di Premio Scenario e In Box per le nuove generazioni; fa parte della rete internazionale Assitej, che raggruppa artisti e compagnie teatrali che si dedicano professionalmente a favore del teatro e della creazione artistica rivolta, in particolare, alle giovani generazioni.
A livello di presenza e attività sul territorio, oltre all’annuale tournèe degli suoi spettacoli – gestisce stabilmente ed in via esclusiva il Teatro Astra di Vicenza (400 posti, dal 1987) ed il Teatro Villa dei Leoni di Mira-Ve (300 posti, dal 2000); gestisce inoltre il Cinema Teatro di Mirano-Ve (da settembre 2014) e il Teatro Comunale di Camposampiero-Pd (dal 2016) e si occupa di diversi altri progetti territoriali in collaborazione con le rispettive amministrazioni.

Condividi: